New-Year-Wallpaper-09mmod
Condividi:
facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

È proprio il caso di dirlo: paese che vai, stranezze che trovi. Oggi viaggeremo tra le tradizioni più curiose e particolari di alcuni Paesi…  Avete voglia di scoprire come si festeggia il Capodanno nel Mondo?

Il nostro viaggio alla scoperta delle tradizioni folcloristiche che animano la notte di San Silvestro comincia dall’Italia. Nel nostro Paese è abitudine accogliere l’anno nuovo mangiando cotechino e lenticchie che, secondo la credenza popolare, porterebbero fortuna e soldi a chiunque le mangi. Allo scoccare della mezzanotte è d’obbligo il brindisi, da fare in compagnia di tutta la famiglia e pronunciando a gran voce “Cin Cin”. I festeggiamenti proseguono poi con le delizie nostrane (il panettone e il pandoro in prima fila) e con romantici baci da scambiare con il proprio partner sotto un rametto di vischio.

In Spagna i festeggiamenti sono molto simili a quelli italiani. Qui l’usanza tipica è quella di mangiare 12 chicchi d’uva allo scoccare della mezzanotte: un chicco per ogni rintocco di campana per propiziarsi abbondanza di cibo per l’anno nuovo. Dopo aver fatto tintinnare i bicchieri per tre volte consecutive, si brinda pronunciando la formula “Arriba, abajo, al centro y pa’ dentro” e bevendo tutto d’un sorso. Inoltre, porta fortuna indossare un indumento di colore rosso, come in Italia, e posare un anello nel bicchiere del brindisi di mezzanotte per propiziare la buona fortuna.

In Grecia il giorno di Capodanno si festeggia San Basilio (anziché San Silvestro), che porta doni ai bambini. Una volta superata la soglia di casa, ogni ospite deve rompere un melograno, gettandolo per terra: più chicchi si spargeranno, più fortuna avranno i proprietari di casa. A tavola si gustano i tradizionali dolcetti di frutta secca, i biscotti con ripieno di miele o sciroppo, e la torta di San Basilio, un pane dolce che nasconde al suo interno una monetina d’oro o d’argento: chi la troverà, avrà un anno fortunato e prospero.

In Inghilterra, durante il veglione di Capodanno, è tradizione mangiare il tacchino ripieno di castagne e il Christmas Pudding, un tipico dolce al cucchiaio, spesso arricchito con monete d’argento portafortuna. La notte di San Silvestro, inoltre, i sudditi della Regina si divertono partecipando a diversi giochi, come pescare con le mani la frutta secca che galleggia su un liquore infiammato, saltare all’interno di un cerchio composto da 13 candele rosse disposte sul pavimento senza spegnerne nemmeno una e, infine, mangiare una mela che si trova sospesa ad un filo senza spegnere la candela inserita nell’altra estremità.

I tedeschi trascorrono il Capodanno tutti agghindati e mascherati come fosse Carnevale. Si brinda al nuovo anno con una bevanda a base di vino rosso, cannella, chiodi di garofano, bucce d’arancia e rum. Nel corso della serata si offrono noci, nocciole e uvetta a tutti i parenti, amici e conoscenti. Nelle regioni protestanti si consuma l’aringa affumicata, che sembrerebbe essere anche un ottimo toccasana per far passare la sbronza. Un’altra tipica usanza made in Germany è la “colata di piombo”, che consiste nel versare il piombo nell’acqua fredda per conoscere il futuro (se il piombo forma una palla è un buon segno).

La Russia è, invece, l’unico Paese dove il Capodanno si festeggia per ben due volte: il 31 dicembre secondo il calendario Gregoriano e il 13 gennaio secondo quello Giuliano (anche detto Capodanno vecchio). Il 31 si fa l’albero e si aspetta la mezzanotte scandita dai rintocchi della Torre del Cremlino per ballare e mangiare le specialità del luogo, tra cui le prugne secche farcite di nocciole ricoperte di panna acida. Le portate del cenone (sembrerà scontato dirlo, ma non manca l’insalata russa) sono accompagnate da champagne e vodka ghiacciata. Altra usanza tipica è poi quella di aprire la porta di casa al dodicesimo rintocco per far entrare l’anno nuovo.

I giapponesi si preparano a celebrare Toshigami, la divinità dell’anno nuovo, dedicandosi alle pulizie domestiche. I festeggiamenti veri e propri hanno, però, luogo dal 31 al 3 gennaio, periodo dell’anno durante il quale si ringraziano gli dei che proteggono i raccolti e si dà il benvenuto agli spiriti degli antenati. Per questa ricorrenza si usa esporre decorazioni di fili di paglia, rami di pino e bambù all’ingresso delle case. Allo scoccare della mezzanotte le campane dei templi buddisti rintoccano 108 volte, tanti rintocchi quanti sono gli elefanti di Bonō per confessare tutti i peccati degli uomini.

Nel Sud America ci si veste tutti di giallo, il colore dell’oro, del sole e della luce. Anche qui si mangiano 12 chicchi di uva nera e il capofamiglia getta il contenuto di un bicchiere di vino all’indietro per allontanare da casa la sfortuna. In particolare, in Messico, per tutta la giornata si accende e si spegne il fuoco gettando tra le fiamme pietre, mestoli di legno e altri oggetti. Infine, in Brasile ci si agghinda tutti rigorosamente di bianco vestiti, per cavalcare le prime 7 onde dell’anno e rendere così omaggio a Yemanjá, la divinità che protegge i mari e i bambini.

…Buon Anno Nuovo!

 

Related Posts


Karaoke_1822628a

Come organizzare una serata tra amici

Condividi: Volete trascorrere una serata un po’ diversa in compagnia dei vostri amici? Ecco alcuni semplici suggerimenti su come organizzare una serata davvero divertente! Si sa, per divertirsi non c’è bisogno di frequentare posti particolari o locali all’ultima moda, ma basta semplicemente la compagnia giusta, del buon cibo e tanti divertenti giochi di gruppo in grado […]

22.03.2016
festa delle donne

Festa delle donne: come organizzare una serata “chic”

Condividi: Avete deciso di celebrare la giornata dedicata alle donne con una festa in casa in compagnia delle vostre più care amiche? Perfetto! Grazie a questo articolo troverete alcune idee davvero chic su come organizzare al meglio la serata! Partiamo dalle decorazioni: il simbolo dell’8 marzo è la mimosa, quindi preparate un bel mazzo di […]

04.03.2016
dormire bene col raffreddore

Come dormire bene… anche col raffreddore

Condividi: Quando hai l’influenza o il raffreddore, tutto ciò che desideri è trascinarti a letto e dormire per una settimana o due. Ma questi sintomi molesti ti impediscono di riposare tranquillamente. E quando finalmente arriva l’ora di andare a dormire, in realtà ti senti peggio di come ti sentivi durante il giorno. Fortunatamente esistono otto […]

25.02.2016